La guerra dell’Arma e la Trattativa. Nuovo incarico per Antonio Ingroia

PALERMO- Prima da pm, ora da avvocato. Quando ci sono di mezzo trame oscure e si parla, seppure indirettamente, della trattativa Stato-mafia, Antonio Ingroia è una presenza costante.

Oggi i due imputati erano convocati davanti al gup Lorenzo Iannelli dopo che il gip Vittorio Alcamo respinse la richiesta di archiviazione e decise l’imputazione coatta per le accuse rivolte a Gianmarco Sottili, Francesco Gosciu, Michele Miulli, Fabio Ottaviani, Gianluca Valerio e Biagio Bertodi (difesi dagli avvocati Claudio Gallina Montana, Basilio Milio ed Enrico Sanseverino).

La Procura a quel punto ha dovuto formulare il capo di imputazione e la parola √® passata al nuovo giudice, cui spetta il compito di  decidere se rinviare a giudizio o prosciogliere gli imputati. Stamani, per√≤, si √® appreso che Fiducia ha deciso di cambiare avvocato. Non pi√Ļ Giorgio Carta, ma l’ex pm Ingroia che ha chiesto un termine a difesa per studiare il fascicolo processuale. Da qui il rinvio al 6 dicembre prossimo.

Le accuse di Masi erano pesantissime. Gli ufficiali, a suo dire, avevano ostacolato le indagini per la cattura di Bernardo Provenzano, Matteo Messina Denaro e impedito di recuperare la prova che la Stato avesse trattato con i boss. A rincarare la dose ci pens√≤ Fiducia, il quale disse che nel 2001 era in contatto con una fonte confidenziale – nome in codice Mata Hari -, moglie di uno storico capomafia di Corleone, che avrebbe potuto condurlo al covo di Binu Provenzano. Durante un sopralluogo nelle campagne di Trabia Mata Hari e il militare furono bloccati da un uomo armato. Poi, la rivelazione: ‚ÄúProvenzano aveva deciso di costituirsi, ma alcune persone a lui vicine lo hanno convinto a cambiare idea‚ÄĚ. Racconti che non avevano convinto il giudice Alcamo, il quale parl√≤ di ‚Äúsospetta progressione dichiarativa‚ÄĚ, ‚Äúdiscrasie‚ÄĚ e “malcelato risentimento” da parte di Masi e Fiducia.

Le loro denunce rimandano al contenitore principale della Trattativa di cui l’aggiunto Ingroia √® stato il ‘padre’. Cos√¨ come lo √® stato del processo al generale Mario Mori e al colonnello Mauto Obinu, assolti con sentenza ormai definitiva all’accusa di avere agevolato la fuga di Provenzano.

Ingroia, dunque, torna ad occuparsi dei temi a lui tanto cari, svestendo la toga di pm e indossando quella di avvocato. Ci riesce al secondo tentativo. Un giorno, infatti, si present√≤ in aula a Palermo, al processo sulla Trattativa, come legale di parte civile dell’Associazione vittime della strage di via dei Georgofili. Un salto in avanti, visto che non aveva ancora prestato giuramento e che per un paio di anni non avrebbe potuto esercitare la professione forense nello stesso distretto dove aveva fatto il pubblico minister

* articolo pubblicato su Livesicilia.it: http://m.livesicilia.it/2017/10/04/ingroia-trattativa-masi-fiducia-avvocato-palermo_894156/